Marketing & Comunicazione: Blog e News

Il brand e la psicologia dei colori

Lo dico sempre “un brand non è il colore azzurro del tuo logo”.


Già, il brand management è una scienza piuttosto specifica che serve per gestire al meglio la comunicazione e il marketing di un prodotto o un servizio in modo da far aumentare le vendite e il successo sul mercato.

Ad ogni modo, la psicologia dei colori è diventata una parte vitale della comunicazione del brand e del design del marchio nel mondo contemporaneo e direi una castroneria se non sostenessi che ANCHE il cromatismo che scegli è importante…ed ha bisogno di uno studio ponderato.
Con l'80% delle informazioni “visive” che provengono solo dal colore del logo, bisogna prestare un’attenzione accurata al messaggio che proprio questo tipo di scelta cromatica è in grado di trasmettere allo “spettatore”.

Ecco un’infografica creata da Towergate Insurance: analizza i loghi (o sarebbe meglio dire “logoi” ;-) ) di 520 aziende.
Vengono identificate le preferenze di colore per settore ed esplorate le risposte emotive che questi loghi possono stimolare.

il colore nella psicologia del brand_skarlet strategies chiara vatteroni

E non finisce qui! Il solito colore assume “significati” differenti ed è scelto per generare risposte emotive differenti a seconda del tipo di settore per cui viene utilizzato.
Il colore rosso, ad esempio, nel settore della ristorazione è un colore utilizzato per catturare l’attenzione e stimolare la fame – non è raro, poi, che sempre nella ristorazione questa tinta, specie nelle tonalità più viranti all’arancio, sia associata al “fast-food”, con risposte abbastanza istintive che inducono il cliente del punto vendita a consumare in modo rapido e spartano il proprio pasto.
Lo stesso colore utilizzato nel settore delle compagnie aeree invece è usato per promuovere senso di calore e cura, qualità considerate positive ed essenziali in questo tipo di business e di servizio.

L’industria della comunicazione tende ad utilizzare il blu e i toni freddi - e lo fa per trasmettere chiarezza mentale e legami con le tecnologie.
Il blu invece, nell’industria farmaceutica, significa benessere: spesso è associato alla pulizia e alla salute.

Per questo motivo, a livello di branding, è necessario familiarizzare con i valori che il tuo marchio considera più importanti e scegliere lo schema di colori di conseguenza non tanto pensando al mero gusto personale, ma applicando al graphic design quella progettazione fondamentale che avviene in fase di studio della strategia di brand.

La fase di progettazione strategica include, tra le altre cose, una serie di domande che ti dovresti porre prima di procedere e scegliere quello che dovrebbe essere il colore perfetto per il tuo brand.

Alcune di queste domande, nella pratica che utilizzo io, suonano più o meno così:

  • - Descrivi il tuo cliente tipo.
  • - Su quali aspetti vuoi convincere maggiormente il tuo cliente?
  • - Vuoi stimolare il tuo cliente?
  • - Il tuo prodotto sarà un lusso, un oggetto del desiderio, o un aiutante, uno strumento che renderà più forte il tuo cliente nell’ottenere un nuovo status?
  • - In che modo dovresti cambiare il mondo?
  • - Quali sentimenti e quali emozioni desideri evocare?
  • - In che modo si devono sentire i tuoi clienti dopo che hanno utilizzato il tuo servizio?
  • - …e tante altre ;-)

Ecco, queste sono solo alcune delle domande che in fase di progettazione strategica invito normalmente a porsi.

Tra l’altro, questa operazione non è esclusiva dei nuovi lanci!

Infatti spesso è necessario operare un re-brand, vale a dire un “ritocchino” in termini di comunicazione e “posizionamento” di un prodotto o un’azienda già esistenti, proprio per renderli più specifici, competitivi ed efficaci sul mercato…avviene per vari motivi:
magari il mercato è cambiato, il pubblico è diverso e abbiamo bisogno di un sistema un po’ più al passo coi tempi per presentarci…
oppure, al momento del lancio, avevamo fatto le cose in modo un po’ “spartano” e quindi è giunto il momento di rendersi più professionali.

Come è evidente, comunque, tornando a quella selezione di domande che ho condiviso, non abbiamo “qual è il tuo colore preferito” perché sarebbe effettivamente troppo scontato…e, spesso, molto poco efficace in termini di effetto che vogliamo ottenere!

Il colore infatti influenzerà la comunicazione di marketing e il brand management per tutta la vita della marca (almeno, fino a quando non si deciderà per un rebrand radicale!).

 

E quando dico che la influenzerà, non intendo riferirmi solo alla comunicazione “grafica” ( “Ok ragazzi, questi sono i colori aziendali e li dovremo usare su tutto il materiale di comunicazione”)…
Intendo piuttosto riferirmi a tutto l’universo di comunicazione: il tono di voce, il modo di porsi, lo stile e mille altri aspetti strategici fondamentali nel rapporto tra brand e consumatore.

Un motivo in più per dedicare l’adeguata attenzione anche a questo aspetto…ben prima di entrare dal grafico per chiedere “mi fai un logo?” o in tipografia per stampare i nuovi biglietti da visita.

 

Detto ciò…Vuoi lanciare un nuovo prodotto? Hai bisogno di studiare una strategia di brand per il tuo lavoro? O magari devi trovare un modo per rilanciarti sul mercato?
Contattami, senza impegno: scrivimi a info@skarletstrategies.it e scopriamo insieme cosa posso fare per te come esperta di comunicazione, marketing e strategie di brand.

Ti è piaciuto questo articolo sul Brand e il potere della comunicazione non verbale?
Condividilo pure!
Brand, Marketing e Comunicazione di impresa sono il mio lavoro di tutti i giorni.
Vuoi scoprire cosa possiamo fare insieme per portare le tue strategie di brand e marketing a un livello superiore?
Scrivimi a info@skarletstrategies.it ;-)
Alla prossima!
Chiara Vatteroni | Fondatrice di SKARLET Strategies e Consulente di Brand, Marketing e Comunicazione

Vuoi tenerti al passo con novità, informazioni e approfondimenti sul mondo del Brand e della Comunicazione d'Impresa?
Vuoi scoprire come migliorare sempre più il tuo Marketing?
Seguimi su Facebook per essere sempre aggiornato!
Metti "Mi Piace" a SKARLET Strategies

<< Vai indietro alla pagina precedente